Coltivare e raccogliere la nigella (cumino nero)

Consigli per la coltivazione e il raccolto
21 giugno 2010


Ci sono delle volte in cui la coltivazione di una pianta è sofferta e deludente: semi che non germogliano, piante che muoiono prima del trapianto, attacchi di parassiti, afa e vento, fiori che non allegano...
Niente di tutto questo è successo con la nigella, coltivata per curiosità semplicemente facendo germogliare i semi in primavera e stando a vedere cosa accadeva.

Semi di nigella

La nigella (Nigella sativa)


La nigella è nota con parecchi nomi diversi, che si riferiscono in realtà a spezie o piante non correlate: cumino nero, coriandolo romano, cipolla nera, grano nero...
Si tratta in realtà dei semi della pianta nigella sativa, che vengono usati come spezia in diverse parti del mondo, principalmente in India, medio oriente e Russia, ma la cui fama si è diffusa anche nel mondo occidentale.

I semi di nigella (cumino nero) hanno un gradevole aroma di cipolla con retrogusto fruttato e leggermente amaro. Si usano principalmente nell'impasto o come guarnizione per pani e biscotti salati, e arricchiscono insalate, sandwich e creme di verdure. Si possono usare nella preparazione di sottaceti.
Si accostano bene a pesce, pollo e verdure, soprattutto zucca e zucchine.


Nigella

Coltivare la nigella (cumino nero)


La nigella si semina a inizio primavera, a una profondità di non più di 1 cm, direttamente a dimora, con una distanza di impianto di 20-25 cm (la pianta si sviluppa soprattutto in altezza).


Fiore di nigellaLa pianta cresce fino a circa 40 cm, con graziosi fiori bianchi larghi 2-3 cm, che diventano azzurri il giorno dopo.

Non dimentichiamo infatti che la pianta è imparentata con la Damigella (Nigella damascena), non commestibile ma coltivata a scopo ornamentale per i suoi particolari fiori azzurri, una versione più grande e elaborata di quelli della nigella sativa.


Baccello di nigellaUna volta sfioriti, i fiori generano dei baccelli di semi dalla particolare forma aliena.
Dopo meno di quattro mesi dalla semina la pianta arriva alla fine del suo ciclo vitale, i baccelli diventano color sabbia e tutta la pianta muore.

Raccogliere i semi di nigella è molto semplice, è sufficiente schiacciare i bacelli perché i semi fuoriescano, quasi del tutto liberi da elementi di scarto.


La nigella è coltivabile in vaso. Gradisce esposizione soleggiata e terreno non troppo umido.

Nigella: scheda di coltivazione


Semina


Quando seminare: inizio primavera, direttamente a dimora.
Profondità della semina: 1 cm
Semina autunnale: sconsigliata

Trapianto


La nigella può essere trapiantata in caso di necessità ma trattandosi di una pianta a sviluppo veloce è bene seminare direttamente nella dimora definitiva.
Coltivazione in contenitore: possibile, la pianta si sviluppa soprattutto in altezza.

Posizione e cure


Terreno: asciutto, senza ristagni.
Esposizione: soleggiata.
Clima: gradisce un clima caldo, ma teme la siccità.

Aspetto della pianta


Altezza: 40 cm
Foglie: di forma bipennata e colore verde chiaro.
Fiori: di colore bianco appena fioriti, con tendenza a diventare azzurro chiaro mentre appassiscono.
Periodo di fioritura: tarda primavera o inizio dell'estate.
Semi: crescono in baccelli dalla forma cilindrica, sono piccoli e di colore nero/grigio scuro

Raccolto


Cosa raccogliere: la nigella si coltiva per il raccolto dei semi, noti anche come cumino nero.
Periodo del raccolto: quando i baccelli diventano marrone chiaro.
Conservazione: i semi di cumino nero si conservano essiccati

Fine stagione


Comportamento: annuale
Note: la pianta ha un ciclo vitale piuttosto breve, in genere muore dopo meno di quattro mesi dalla semina.
Semi: conservare i semi dall'aspetto mitliore per la semina dell'anno successivo


Nigella

Ricette con la nigella


Naan di farina di soia con nigella

Sandwiches al tonno, nigella e basilico thai

Sfogliate tutte le ricette con la nigella (cumino nero)

Maggiori informazioni: La nigella (cumino nero) in cucina


Frittelle di lenticchie rosseProvate la nigella nella ricetta indiana Frittelle di lenticchie rosse con chutney al cocco su Il meglio in Cucina.



Biscotti al formaggio e cuminoUn anno fa:

Biscotti al formaggio e cumino
Potrebbe interessarvi...

Coltivare l'issopo


Consigli per la coltivazione e il raccolto

Gallery correlate



Commenti

Autore: elenadir (URL)
10/03/2013

Cercavo info sulla Nigella, e ho trovato questo sito. Vi posso dire che finirete tra i mie preferiti, ammiro il lavoro che avete (hai) fatto. Complimenti!


Autore: Graziana
19/03/2013

Ciao Elenadir, grazie per i complimenti, la nigella (o cumino nero) è una spezia interessantissima tutta da scoprire!


Autore: davide
17/09/2015

ottimi consigli, nei paesi arabi viene anche fatto un olio con questi semi che pare abbia molte proprietà curative


Autore: serena
17/08/2017

Grazie mille per i tuoi consigli. Io uso spesso la nigella sativa sotto forma di olio che prendo su sorgentenatura e devo dire che i suoi effetti sulla pelle sono portentosi. Non sapevo fosse semplice coltivarla, potrei chiederti dove prendi i semini? Mi piacerebbe provare. Grazie mille


Autore: Graziana
08/09/2017

Ciao Serena, puoi provare a coltivare anche i semi che usi come spezia: se non sono trattati germoglieranno


Aggiungi un commento
Date prima un'occhiata alla pagina delle FAQ per trovare subito una risposta alle domande più comuni.


 


Per commentare inserire le scritte della foto nella casella sottostante.
Autore:
 
Mail:
 
URL:

Ultimi articoli

Ricetta: Crackers ai fiori di sambuco
Biscotti salati e sfoglie alle erbe
Ho voluto preparare dei crackers all'olio d'oliva per la mia famiglia, ma devo ammettere che io stessa mi sono sorpresa del risultato. I cracker fatti in casa non solo sono...

Fiore di rucola
I fiori che non vi aspettate
La primavera si avvicina, e molte piante seminate in autunno giungono alla fine del loro ciclo vitale con la fioritura. Quando questo accade, la pianta inizia a svilupparsi in...

Ricetta: Zuppa di cozze al crescione
Pesce e frutti di mare alle erbe aromatiche
Una ricetta ispirata alla celebre soupe de moules bretone, con l'aggiunta di un mazzetto di crescione d'acqua per contrastare la dolcezza delle cozze e della cipolla, resa cremosa...

Il pepe rosa
Spezie viste da vicino
Il pepe rosa si ottiene dai frutti di un albero, detto comunemente albero di pepe rosa (Shinus molle) o anche falso pepe, originario degli altopiani dell'America meridionale. La...

Ricetta: Burritos di pollo al coriandolo e cumino
Crepes, pancakes e tortillas alle erbe
I burritos sono una ricetta di origine messicana, che è stata reinterpretata e resa famosa nel mondo dalla cucina tex-mex. Tipico street food preparato in versioni sempre diverse,...

Tutti gli articoli

In evidenza

L'acetosa